Sabrina Zannier – 2007

Pubblicato il

Sabrina Zannier, Agosto 2007, curatore e critico d’arte, Udine.
“Alfabeti sognati”
Una mostra al Laboratorio Le Edizioni di Napoli per fare il punto su quindici anni di ricerca creativa di Olga Danelone. Ovvero Alfabeti sognati, con lavori realizzati dal 1992 a oggi, complessivamente tesi a raccogliere il pensiero che sottende l’opera dell’artista udinese. Un pensiero fondato su due direttive sostanzialmente contrapposte ma, proprio per questo, votate alla relazione: da un lato emerge l’idea dell’alfabeto, quindi di un linguaggio di segni composto da singole lettere, da simboli e grafie in qualche modo ordinabili, quindi leggibili in un contesto raziocinante; dall’altro lato, invece, c’è l’idea del sogno, la libertà dell’immaginazione che mescola quell’alfabeto di segni oltre ogni tentativo di ordinamento. Questo duplice pensiero si dispiega soprattutto attraverso opere d’incisione, dall’acquaforte all’acquatinta, fino alla cosiddetta maniera nera e alle carte ruvide e porose, lavorate con acidi e conseguentemente con pastelli, appese senza cornici, come fogli di un quaderno dell’anima aperto sul muro. Corpuscoli cellulari, simboli di vita e animazione raccolti in superfici composte da fitti e intricati segni, o liberati in spazi chiari e aleatori, ammiccano alla relazione macro-micro fra cosmo e genetica, mentre simboli astratti, figurine umane germinali, dal volto puntuto o dalla silhouette minimale, affiancate a frammenti più descrittivi di volti, inscenano invece quell’universo umano che, teso fra il detto e il non detto, s’insinua nella relazione che la Danelone affronta attraverso l’idea dell’alfabeto, con la sua sottesa volontà di comunicazione, e l’idea di sogno, che invece contiene la dimensione della sensorialità.